Monday, 12 November 2007

IL PANE SENZA IMPASTO



Questo deve essere il re dei pani barbatrucco, disegnato appositamente per dare la massima resa con il minimo sforzo (si potrebbe ribattezzare lazy-bum bread). Il bello è che produce una pagnotta strepitosa, di quelle rustiche e ruvide da sembrar cotta nel forno a legna. Va iniziato a preparare con un giorno di anticipo poiché necessita di 18-24 ore di lievitazione ma l’impegno che richiede è veramente minimo (per le varie sequenze potete dare un’occhiata ai passaggi fotografati di Cindystar o a questo video ). Ringrazio Cindy e Simonetta per tutti i suggerimenti.

** Comidademama mi ha appena illuminato sull'identità del creatore della ricetta, Jim Lahey della Sullivan St. Bakery di New York. A lui va la mia stima incondizionata. Qui potete ammirare the man himself all'opera.

Ingredienti:

  • 500 g di farina (io uso una farina di forza ma qualsiasi combinazione va bene)
  • 2,5 g di lievito di birra fresco (o 1 grammo di lievito di birra liofilizzato)
  • 1 cucchiaino abbondante di sale
  • 350 ml d’acqua tiepida.

Sciogliere il lievito nell’acqua tiepida. In una ciotola grande mescolare la farina col sale. Unire l’acqua col lievito, mescolare velocemente con le mani o con una forchetta. L’impasto è molto morbido e appiccicoso. Coprire la ciotola con un foglio di pellicola e lasciar lievitare l’impasto a temperatura ambiente (circa 20°C) dalle 18 alle 24 ore.

Il giorno dopo l’impasto sarà aumentato di volume e apparirà come un blob molliccio e alveolato.

Rovesciare il blob su un piano abbondantemente infarinato. Spolverarlo con altra farina, quindi tirare quattro lembi di impasto e ripiegarli su se stessi. Coprire con un foglio di pellicola e lasciar riposare per circa 15 minuti.

Trascorso questo tempo cospargere la superficie dell’impasto con semini a piacere (sesamo, girasole, zucca, papavero etc.), semolino o polenta. Trasferire l’impasto o in una ciotola (che andrà coperta) o in un canovaccio (in cui l’impasto verrà arrotolato) e far proseguire la lievitazione per altre due ore.

Pre-riscaldare il forno a 230°C e mettervi dentro a riscaldare una pirofila dai bordi alti e col coperchio (la pirofila può essere in qualsiasi materiale, ghisa, pirex etc.).

Rovesciare il blob (occhio che è molle molle e scappa da tutte le parti) nella pirofila bollente. Coprire col coperchio e infornare per circa 30-40 minuti sempre a 230°C. Rimuovere il coperchio e continuare la cottura per altri 10-15 minuti (io tolgo direttamente la pagnotta dalla pirofila e l’appoggio sulla griglia del forno).

Sfornare la magica pagnotta barbatrucco e lasciarla raffreddare prima di tagliarla.

70 comments:

Francesca said...

ciao Dandoliva, piacere di conoscerti. Questo pane io ancora non l'ho masi provato, ma che voglia che ho di mettermi all'opera. Appena ho un po' piu' di tempo libero mi ci dedichero'. Mi piace molto il tuo blog, i colori accoglienti, le belle immagini, le ricette. Ben venuta tra i foodblog, sara' un piacere venirti a trovare.

Danda said...

Ciao Francesca, grazie :-)
Questo pane è veramente sorprendente, lo puoi preparare anche quando hai poco tempo. Tutto quello che devi fare e dare una mescolata veloce ad acqua lievito e farina, e fargli queste quattro pieghe quando lo riprendi (in tutto non più di 5 minuti). Il resto è attesa e considerati i tempi lunghi te lo puoi tranquillamente dimenticare in un angolo fino al momento di infornarlo.
Fammi sapere se lo provi ;-)

sandra said...

Bello il pane senza impasto!
Lo proverò la prossima domenica.. grazie per la ricetta..

Michela said...

Ciao Ciao..ritorno un po' a trovarti e devo dire che questo pane mi alletta un sacco! QUi a londra non riesco prorpio a trovare un pane che mi soddisfi e l'idea di farlo a casa senza troppi sforzi mi da un sacco di gioia!! :-)
Ma senti un po', dove rieci a comprare il lievito di birra fresco?
Per ora l'unico modo per me era entrare in qualche pizzeria ed elemosinarne un pezzetto emhh...ma se mi dici dove lo compri almeno evito figuracce :-)

Grazie mille

Michela

Danda said...

@ Sandra: Grazie Sandra (siamo omonime ;-) sono una Sandra anch'io), vedrai è un pane davvero ottimo e semplice da realizzare :-)

@ Michela: Ciao Michela, come ti capisco... il pane a Londra è veramente mediocre. Io da qualche tempo ho smesso di comprarne e me lo faccio da me.
Per quanto riguarda il lievito di birra, un periodo mi facevo delle scorte dall'Italia e me lo surgelavo, scongelandolo al momento del bisogno. L'unico posto a Londra dove l'ho visto è da Planet Organic, su Torrington Place (fermata Gower Street, northern line), lo vendevano al banco frigo a circa 1 pound per panetto da 25 grammi ma è da parecchio che non ci passo e non ti so dire se si trovi ancora.
Devo dire però che da un po' ho cominciato ad usare il lievito di birra liofilizzato che si trova in ogni supermercato (Allinson Easy Bake Yeast o Hovis) e mi trovo benissimo. Basta ricordarsi che 1 grammo di lievito secco corrisponde a 3 di lievito fresco, per il resto è praticamente identico e dà ottimi risultati (la pagnotta che vedi in foto è stata fatta con lievito liofilizzato).
Fammi sapere se provi il pane senza impasto.

Giovanna said...

prima di decidere di voler fare il pane con il lievito madre, anch'io facevo un bel pane.... ma siccome questo lievito madre non mi riesce non faccio più nemmeno il pane!! forse è ora che cominci a farlo con il lievito ....

Danda said...

Ciao Giovanna, anch'io volevo cimentarmi nel mio personale blob semovente di pasta madre ma mi scoraggia tutto il tempo (e la farina!) che bisogna dedicargli (senza poi la garanzia di successo).
Ad ogni modo, se il sapore del lievito di birra non ti piace questo pane fa per te, ce n'è veramente una quantità infinitesimale ;-)

*°*Anna*°* said...

E'a dir poco fantastico! Complimenti!

Danda said...

grazie anna :-)

Alex e Mari said...

È tanto che lo volevo provare! Stavolta mi ci metto davvero! Ti è venuto benissimo. Ciao, Alex

comidademama said...

Sono arrivata nel tuo blog per caso, partendo da un commento che hai lasciato in un altro blog.

Complimenti, il tuo blog è molto bello e la fotografia del tuo pane mi ha conquistata.
Faccio immediatamente una prova, ho tutto in casa, domani ti saprò dire.
ciao!

comidademama

comidademama said...

ok, mescolato! domani a pranzo sarà pronto, considerato il fuso orario per te sarà ora di cena

ho aggiunto un po' di germe di grano per renderlo ancor più esuberante, vediamo come va

Danda said...

@Alex: questo pane lo stavo corteggiando anch'io da molto tempo. In teoria dovrebbe venire un po' più alveolato di quello in foto (le infornate successive a questa erano migliori) ma ero impaziente di assaggiarlo e l'ho infornato dopo solo 12 ore invece di aspettare le canoniche 24! Sapore e consistenza comunque erano ottimi. Provalo e fammi sapere:-)

@ Comidademama: Ciao grazie della visita! Mi fa piacere che abbia voluto provare la ricetta. Attendo con impazienza il risultato finale ;-)

comidademama said...

grazie a te! e se mi viene ci saranno altre Marta e il my wise (husband) che ti ringrazieranno.
Allora aggiornamento della settima ora: la pasta sta crescendo e gonfiando, ogni tanto la vado a guardare, un po' come la prima volta che ho fatto gli choux: mi sono seduta per terra e ho guardato il forno come si guarda la televisione

Danda said...

@ Comidademama: ehehehe...come ti capisco, faccio parte anch'io di quelle che assumono la posizione da "cova" davanti alle nuove ricette. Mi pare di capire che il blob procede bene. Non vedo l'ora di vedere la pagnotta.

comidademama said...

ok ore 23 e 30 minuti, avevo intenzione di svegliarmi alle 7am per mescolarlo e rimanesse sulle 20 ore, ma è sabato e fino alle 10 ho dormito.
Il blog è molliccio ma non esonda da tutte le parti, si è staccato bene dalla ciotola e ora sta aspettando i 15 minuti.

Credo che per l'una sarà pronto.
Ora vado a fare colazione. A dopo!

La posizione di cova, hai ragione, bell'immagine!!!

comidademama said...

13.45 sfornato il pane a fatto foto
grandioso! E' bellissimo Grazie mille, ho trovato anche il video del NYtimes con il panettiere che ha ideato questa ricetta, con sottofondo jazz mooolto Woodie Allen ^_^
Grazie ora scappo ad un compleanno poi posto, sono già in ritardo

Danda said...

@Comidademama: Ciao Elena, ho visto la foto del tuo pane, fantastico! Grazie per le info su Jim Lahey, aggiungo una nota su di lui nel post (si merita i credits per aver inventato la magica pagnotta) ;-)

comidademama said...

super OT a londra c'è una mia amica e blogger, devi, devi DEVI conoscerla è un persona speciale e preziosa, una testa fina, una testa, oh sì. Se cerchi su google o sul mio blogroll si chiama restodelmondo

comidademama said...

non avevo visto il tuo commento, grazie per i complimenti, devo dire che dentro non è rimasto molto alveolato,non come nelle foto, ma devo dire che come prima approssimazione va bene e devo avere una massa critica bollente, quindi cercherò un dutch oven o una simil creusette, vedo cosa trovo, sono soddisfatta, all'aperitivo il pane era già dimezzato ed eravamo in quattro, alto gradimento ed il my wise, che è giudice implacabile mi ha detto di congelare la ricetta e non fare variazioni.
Grazie per questa ricetta, senza di te non l'avrei scoperta, nemmeno la mia amica Marina che ne ha scritto su coquinaria me ne aveva parlato, è vero che ci siano frequentate poco e io non frequento i forum, non c'è tempo.

Danda said...

ciao Elena, a me ci sono voluti un paio di tentativi prima che venisse con l'alveolatura giusta, ma gli esperimenti erano tutti commestibilissimi (incluso quello che vedi in foto) e nessuno si è lamentato. Francamente non credo che il coperchio sia indispensabile, il pane migliore che ho sfornato era cotto semplicemente in una pirofila in pirex senza coperchio. Quello che ho fatto però, per la seconda lievitazione era mettere l'impasto in una ciotola coperta con pellicola nel forno spento e tiepido (è un espediente un po' da schiappa ma funziona).
Se sei in vena di panificare ti consiglio anche la ricetta delle mantovanine di Cameron che ho riportato qui sul blog. Sono velocissime da fare e vengono fuori dei panini favolosi :-)

P.S. darò un'occhiata al blog di restodelmondo, grazie :-)

cuoca compulsiva said...

Ciao, ti ho scoperto per caso, partendo dal blog Comidademama. Complimenti per il Blog e per le ricette. io sono una panettiera convinta, lo preparo in casa ogni domenica. Ormai è tardi, è già pronto il mio impasto classico. Ma la prossima settimana proverò il tuo pane!

comidademama said...

vado subito a vedere il post di cui parli, intanto ho messo su due impasti per una cottura comparata (mi hai gettato in un tunnel ^__^ non finirò più) e poi inizio a fare esperimenti con le noci, perchè io ho una insana passione per il pane alle noci



spero ti piaccia, RdM e il suo marito zefram sono due persone interessanti e simpatiche

Danda said...

@ cuoca compulsiva: Ciao e grazie! Hai assolutamente ragione, poche cose in cucina danno soddisfazione come fare il pane in casa. All'inizio mi sembrava una cosa insormontabile ma quando ci si prende la mano diventa un'abitudine piacevole :-)

@ comidademama: lo so, è pericolosamente addictive. Volendo con lo stesso impasto puoi fare anche delle mini ciabatte o usarlo per la pizza :-)

comidademama said...

mia cara, non per farti pressione, ma hai fatto scattare una piccola epidemia

qui pikolo ha postato il suo pane, è bellissimo!
http://pikolo.blog.excite.it/permalink/504768

pikolo said...

... e se poi mi dici che si puo' usarlo anche come base per la pizza... wow!

ma che procedimento usi a quel punto?

ciao e grazie

Danda said...

@ Comidademama: l'epidemia dilaga ;-) Bello anche il pane di Pikolo.

@ Pikolo: Ciao Pikolo, metto le mani avanti prima di ritrovarmi pizzaroli agguerriti che mi fanno notare che no no no, una cosa del genere non si può chiamare "realmente" pizza. Aggiungo anche che con pane e focacce sono veramente alle prime armi e tutto fuorché un'esperta (quindi non mi fate domande difficili che entro in crisi ;-) ). Io ho provato a fare le ciabattine e sono venute molto buone, per la pizza ho visto che chi l'ha provata dopo la prima lievitazione ha diviso l'impasto in tocchetti, ha fatto le quattro pieghe ad ogni pezzo di pasta e poi l'ha stesa in una teglia picchiettandola con le dita; l'ha lasciata lievitare coperta con un telo, quindi l'ha cosparsa con della passata di pomodoro e l'ha infornata (sempre a 230 gradi). A fine cottura l'ha condita con mozzarella e altro e l'ha infornata per altri 5 minuti. Il risultato, almeno dalle foto, pare invitante.

pikolo said...

mooolto interessante, con buona pace dei pizzaroli agguerriti! :-)

La Gallina in cucina said...

Ciao Dandoliva, volevo farti i complimenti per il fantastico "bred".
In passato mi sono cimentata nella preparazione del pane senza ottenere dei buoni risultati così ho lasciato perdere...fino ad ora!
Grazie a te farò sicuramente un'altro tentativo.

Danda said...

ciao Gallina, vedrai è un pane molto semplice, fa tutto da se. Fammi sapere se lo provi :-)

Giorgia said...

grazie per la ricetta di questo fantastico pane! sono arrivata nel tu blog grazie a comida e ora lo leggo spesso. anch'io ho la mania del dulce de leche dopo aver frequentato degli argentini. uso la tua stessa ricetta. buonissimo.

Danda said...

Ciao Giorgia, grazie per la visita :-)
Sono contenta che il no knead bread ti piaccia. Buon inizio di settimana!

La Gallina in cucina said...

Ciao Dandoliva, mi potresti consigliare un tipo di recipiente per ottenere questo pane? Secondo te una pentola in alluminio può andar bene?

Danda said...

Ciao Gallina, io uso una banalissima pirofila in pirex (con coperchio o senza secondo me non fa una grande differenza) ma so che qualcuno l'ha cotto addirittura nelle teglie di alluminio usa e getta ed è venuto ugualmente perfetto. Qualsiasi teglia dai bordi alti che ti ritrovi in casa va bene ;-)

giulia said...

ciao! sono arrivata da te passando da Alex! sono rimasta estasiata nel vedere questo pane barbatrucco, è un po' che volevo provare a fare il pane, ma mi angosciava l'idea di impastare, quando facciamo le pizze è mio marito l'addetto all'impasto (io non ho abbastanza forza) mentre io le spiano :)
Questa versione quindi fa proprio al caso mio, appena ho un po' di tempo ci provo!
Ciao giulia

Cannelle said...

Non ho mai fatto il pane ma penso che questa sia l'occasione giusta per cominciare!
Anche per me è stato un vero piacere conoscerti...

Danda said...

@ Giulia e Cannelle: Grazie per la visita :-)
Provateci anche voi, è un pane ottimo e non richiede alcuno sforzo.
Fatemi sapere se lo fate, mi raccomando ;-)

Aiuolik said...

Anche noi siamo arrivati partendo dal posto di Alex...Nel mentre abbiamo provato, assaggiato e pubblicato il nostro pane senza impasto. Trovi tutto qui

Ciao dalla Trattoria MuVarA!

Adrenalina said...

mo tocca provarci!! Oggi preparato impasto, vediamo domani cosa riesco a fare!! Complimenti per il bellissimo blog :)

Danda said...

@ Aiuolik: Ciao e grazie per la visita. Avevo già sbirciato con piacere il vostro blog (vi sono eternamente grata per la ricetta della pizzetta al taglio "amarcord" che qui a Londra non trovo e per la quale avevo notevoli crisi di astinenza). Bellissimi entrambi i due blob, con e senza impasto :-)

@ Adrenalina: Eh si, direi proprio che tocca pure a te unirti alla campagna "un blob da amare". Attendo impaziente il risultato ;-)

Adrenalina said...

Una domanda che tra poco inforno!!!
Ma il pane si attacca alla pentola???
Userò la pentola in ghisa dell'ikea e non vorrei rovinarla subito!!!

Danda said...

Adrenalina, infarinalo bene (deve essere bello cosparso, abbonda anche se ti sembra di metterne troppa), usa anche polenta o semolino se ne hai in casa così ti viene una bella crosticina croccante. Se è ben infarinato non corri alcun rischio che si attacchi. Fammi sapere :-)

La Gallina in cucina said...

Carissima Dandoliva, posso darti un bacio sulla fronte?! non pensare male, ma non puoi immaginare la gioia che ho provato quando ho sfornato la magnifica pagnotta.
E' stata una grande emozione, ti ringrazio ancora e....scusa se ho modificato leggermente la tua ricetta base.
Ciao a presto

Danda said...

Bravissima Gallina! Vado a vedere sul tuo blog :-)

AranciOnissimA said...

Anche io l'ho fatto! E stasera ci riprovo! il mio blob è li da ieri sera.
Effettivamente la prima volta l'ho fatto lievitare di meno.
Ma comunque sia è venuto buono lo stesso!
Grazie della ricetta!
Ciao
AranciOnissimA

Danda said...

Ciao Arancionissima, grazie per la visita.
Anche tu alle prese col blob, vedo ;-)

http://deliciouslilli.splinder.com/ said...

oggi è il giorno giusto
sto provando anche io e appena sforno mettero' la foto

ciao
lilli

Danda said...

Ciao Lilli, grazie per la visita. attendo il risultato, spero che il pane ti piaccia ;-)

Sara said...

Buongiorno!
volevo dirti che ho fatto la questa ricettina... grazie! è venuto molto bene! volevo provare poi per la cena di natale fra amiche il danubio... dici che lo posso fare anche a gusto misto? perchè ho anche un'amica vegetariana...

Danda said...

@ Sara: Mi fa piacere che il pane sia venuto bene.
Quella ricetta di danubio è davvero ottima, puoi metterci dentro il ripieno che vuoi, l'unico mio consiglio è di non metterci roba troppo liquida o umidiccia o finisci per avere difficolta nel chiudere le pallette (ad esempio, pomodoro e mozzarella sono problematici, a preferenza fai scamorza e pomodori secchi). Altra cosa, per le palline fai dei pezzetti molto piccoli (da quella pasta devi ricavare almeno 30 pezzetti), diversamente ti ritrovi con palle di cannone ;-)

Sara said...

grazie dei suggerimenti! io pensavo per l'appunto scarmoza e pomodorini secchi o qualcosa con le olive e mi ispirava anche speck e un formaggio... quale??
ti farò sapere.
penso di sperimentare nel week end!
sara

Danda said...

scusa Sara, mi sono scordata di risponderti...
Con lo speck ci potresti mettere un tradizionalissimo Asiago, vedi un po' tu cosa ti ispira :-)
Fammi sapere come viene.

marcella candido cianchetti said...

complimenti per il tuo stuzzicante blog buon 2008

Anonymous said...

Ho fatto due volte il pane barbatrucco, la seconda mettendo 2/3 farina e 1/3 semola. E' venuto BUONISSIMO. Grazie alla mia amica Cece che mi ha spinto a provare a farlo, non credevo ci sarei riuscita :-)
Ciao a tutti.
Cily

Danda said...

@ Marcella: grazie :-)

@ Cily: è un pane che dà molte soddisfazioni. Sono contenta che ti sia piaciuto.

gò said...

ciao dandoliva, grazie pe aver facilitato il mio approccio con il pane fatto in casa. Sono già alla settima pagnotta. Adesso inforno il pane al curry come mi ha richiesto mio figlio.
a presto

Faby said...

Ciao Dandoliva sono capitata per caso sul tuo blog ..adoro fare il pane in casa e questa ricetta è strepitosa!!
ti ringrazio davver tanto..dai un'occhiata al mio blog ho postato le foto..che ne dici??
ora sotto a provare altri abbinamenti di farine e ripieni
ciao
faby

Chiara said...

è davvero un pane eccezionale...ho usato farina bianca ed integrale...quando l'ho assaggiato...mi sono quasi commossa! Grazie per la gustosissima ricetta!

Lilith said...

Ricetta fantastica! L'ho provata e il risultato è davvero sorprendente!!
Grazie!!
Ti ho citata sul mio blog, spero non ti dispiaccia: http://ilcielodililith.splinder.com

Ripasserò a caccia di altre ricette ^^

effemmeffe said...

Fatto per Pasqua, con farina di grano duro.
S p e t t a c o l o !
Trovi le foto su flickr: http://www.flickr.com/photos/fmf/sets/72157616658270613/
Grazie per la ricetta.

Susy said...

Ciao Danda, volevo dirti che ho fatto il pane anch'io e con la tua ricetta mi è riuscito proprio bene, grazie, ho messo il link al tuo blog, ciao Susy

Annina said...

ciao! bella ricetta..l'avevo già vista ma mai provata. in questi giorni ne ho già sformati 3, ma con esiti differenti (da qui l'idea di postare la mia esperienza x chiedere un parere!)
il primo: perfetto, ben lievitato, molto umido dentro (metà farina bianca e metà integrale)
il secondo: buon sapore, ma sembra nn essere lievitato durante la cottura! è rimasto molto basso rispetto al primo. (ho usato tutta farina integrale xo)
il terzo (ancora metà farina bianca e metà integrale) è lievitato solo da una parte, l'atra è rimasta piu bassa anche se il gusto è sempre buono.
consigli? preciso che in generale ho messo piu acqua che quella indicata nella ricetta, son solo 350ml c'era ancora molta farina che non faceva parte della "palla appiccicosa".
grazie x l'attenzione e complimentissimi x il blog ;)

nena said...

ottima ricetta per me che sono pigra! Proverò quanto prima, adoro il pane °_° Grazie!

Anonymous said...

questo pane lo preparo quasi tutti i giorni e piace veramente a tutti !!! nun ne lasciano neanche un pezzettino !!! altro che panini comprati al supermercato !!! ciaooo !!!!

augusta said...

questo pane lo faccio quasi tutti i giorni e piace veramente a tutti !!!non ne lasciano neache un pezzettino !!!altro che pane comprato al supermercato !!! ciaoo!!

augusta said...

questo pane lo faccio quasi tutti i giorni e piace veramente a tutti !!!non ne lasciano neache un pezzettino !!!altro che pane comprato al supermercato !!! ciaoo!!

augusta said...

questo pane lo faccio quasi tutti i giorni e piace veramente a tutti !!!non ne lasciano neache un pezzettino !!!altro che pane comprato al supermercato !!! ciaoo!!

augusta said...

questo pane lo faccio quasi tutti i giorni e piace veramente a tutti !!!non ne lasciano neache un pezzettino !!!altro che pane comprato al supermercato !!! ciaoo!!

Guerino said...

Ciao Dandoliva,
passo dal tuo Blog su segnalazione di una amica,complimenti mi piace come rappresenti le tue ricette.
Abbiamo passioni in comune la buona cucina e la panificazione,Ti ho aggiunta ai Blog che seguo, se hai tempo passa a trovarmi al mio blog Auriemma's Kitchen.
Ciao a presto Guerino

Unknown said...

I would like to try your recipe but you mention "baking powder" ? But baking powder is not mentioned in the list of ingredients?