Tuesday, 5 February 2008

TORTA ALL'ARANCIA

Il 3 Febbraio la mia nonnina ha compiuto 85 anni. Raramente mi trovo in Italia in questo periodo e ne ho approfittato per farle una torta.
Di solito preferisco le torte con decorazioni più minimali, ma la nonna ha un'indole romantica e un po' leziosa e così, memore di attività prescolari con pongo e plastilina, mi sono buttata su festoni, fiori e frutta di zucchero.
Come si evince dalla foto, ho pasticciato col fondant. La prima volta che l'avevo fatto era venuta una pasta meravigliosa e lavorabilissima, che però aveva mandato in tilt il mixer della mater familias. Stavolta, onde evitare di scassare il mixer nuovo, ho avuto la brillante idea di impastare il fondant A MANO! Non fatelo MAI. Stendiamo un velo pietoso sulla mia cretineria e sul risultato: una pasta sbriciolosa e rognosissima da stendere (credo di aver passato in rassegna tutte le parolacce in italiano, inglese e sardo che conosco e averne inventate pure di nuove). Salvando il salvabile sono riuscita a produrre una torta presentabile. La nonna ha apprezzato ed è questo ciò che conta.
L'impasto è quello delizioso delle tortine paradiso di Pinella (date un'occhiata al suo
nuovo blog) con la differenza che ho usato scorza di arancia al posto di quella di limone. La farcia deriva dalla crema al limone della nostra fatina notturna dei dolcetti (anche qui l'arancia sostituisce il limone) e il fondant di zucchero è sempre quello di Nightfairy.

Ingredienti (per una tortiera di circa 25 cm di diametro)

per la torta:

  • 250 g. di zucchero a velo
  • 250 g. di burro ammorbidito a temperatura ambiente
  • 150 g. di farina "00"
  • 150 g. di fecola
  • 6 tuorli
  • 2 uova intere
  • la scorza grattugiata di due arance non trattate
  • un cucchiaino di estratto di vaniglia
  • una bustina di lievito per dolci (16 g)
per la farcia:

  • 100 g di zucchero
  • 2 tuorli
  • 2 cucchiai di farina
  • la scorza e il succo di un'arancia
  • 200 ml di latte
  • 30 g di burro
  • mezzo bicchierino di Cointreau (facoltativo)
per il fondant:

  • 450 g. di zucchero a velo
  • 50 g. di glucosio
  • 5 g. di gelatina in fogli
  • 30 g d'acqua

  • colorante alimentare rosso, giallo e blu (la combinazione di questi tre colori consente di realizzare tutti gli altri: rosso+giallo=arancione; giallo+blu=verde etc.)
  • altro zucchero a velo per infarinare il piano di lavoro

Prima di cominciare imburrare ed infarinare una tortiera del diametro di circa 25 cm e pre-riscaldare il forno a 175-180°C.

Far ammorbidire il burro, unirlo allo zucchero a velo e montarlo a lungo con le fruste fino ad avere un composto soffice e spumoso.

Aggiungere uno ad uno i tuorli lievemente sbattuti e farli assorbire bene dalla crema di burro prima di aggiungerne un altro. Fare lo stesso con le uova intere. Aggiungere la scorza d'arancia e l'estratto di vaniglia.

Setacciare insieme farina, fecola e lievito e con una spatola incorporarli delicatamente al composto senza smontarlo.

Versare il tutto nella tortiera, livellare bene ed infornare a 175-180° per circa 30-45 minuti (regolatevi in base al vostro forno).

Fare la prova stecchino per verificare la cottura della torta (punzecchiare con uno stecchino il centro della torta, se lo stecchino riemerge asciutto e pulito la torta è pronta, se ha ancora dell'impasto attaccato la torta ha bisogno di qualche altro minuto in forno).

Sfornare e far raffreddare completamente la torta su una gratella. Nel frattempo reparare farcia e fondant.

Per la farcia, in un pentolino mescolare zucchero, farina, tuorli e scorza grattugiata d'arancia.
Stemperare piano piano con il succo d'arancia, aggiungere il latte, mettere sul fuoco ed aggiungere anche il burro.
Far addensare, mescolando continuamente con una frusta o con un cucchiaio di legno fin quando non si forma una crema bella densa. Toglierla dal fuoco, lasciarla raffreddare completamente ed unirvi il liquore.

Per il fondant, mettere in ammollo la colla di pesce nell’acqua; metterla sul fuoco basso e lasciarla sciogliere senza che si surriscaldi troppo o diventa inutilizzabile; unire il glucosio, mescolare e rimuovere dal fuoco. Mettere lo zucchero a velo nel mixer e azionare versando il composto di glucosio e gelatina fino ad avere una pasta omogenea e lavorabile.

Procedere alla decorazione. Tagliare la torta in due, farcirla con la crema e spalmare un velo di crema sulla superficie per fare da collante fra torta e fondant.

Prendere circa metà del fondant e, infarinando il piano di lavoro con dello zucchero a velo, tirare una sfoglia rotonda con cui rivestire la torta.

Colorare una parte del fondant di arancione chiaro per i festoni, una parte più piccola di arancione più carico per gli arancini e una terza parte di verde per le foglie.
Per i festoni, stendere il fondant arancione, ricavarne 5 rettangoli uguali di circa 12x6 cm. Piegare il rettangolo in due nel senso della lunghezza ed attaccarlo alla torta con un po' d'acqua.
Col fondant arancione scuro fare 8 palline che saranno le arance. Lasciarle asciugare per qualche minuto, quindi punzecchiarle con uno stecchino per dare l'idea della scorza.
Col fondant verde realizzare 20 foglie da disporre a piacere o come l'esempio sopra.
Per ultimo realizzare un cordoncino per nascondere eventuali magagne alla base.
Buon Compleanno Nonna!

31 comments:

emilia - lorenza - miriam said...

solo presentabile??? è veramente bella e delicata! auguri alla nonna! ciao Lo

comidademama said...

Truly impressive, l'aspetto è di una delicatezza senza pari. Complimenti e un caro augurio a tua nonna.

comidademama said...

e poi pinella con il blog è super vero?

Anonymous said...

Anche io sono per i decori minimalisti, oserei dire ermetici, e soprattutto quasi solo a base di cioccolata :-)
Però...però...credo che a breve dovrò soccombere io quoque al fondant, per accontentare una carissima amica fattasi irrimediabilmente contagiare dalla mania del 'marshmallow impastato', come lo chiamo non senza una punta di malcelatissima supponenza :-)
La tua torta invece è proprio bella: sei riuscita a darle eleganza 'nonostante' la decorazione (sì, li detesto proprio i fiori, i pupazzetti, gli animali dai colori improbabili, le fate e folletti!), cosa che non credevo fosse possibile.
Io credo però che mi butterò sul kitsch spinto e ostentato: se baldoria deve essere, che lo sia fino in fondo! :-)))
Besos,
p.

*°*Anna*°* said...

Bellissima è dire poco! Auguri alla nonna! :)

Alex e Mari said...

È bellissima e delicata! Chissà quanto è stata contenta la nonna! Auguroni. Alex

Aiuolik said...

Beh...se alla nonna è piaciuta direi che è già un successo! Comunque a vederla sembra proprio bella!
Auguri alla nonna!
Aiuolik

cuoca compulsiva said...

Una meraviglia. una vera meraviglia.

elisabetta said...

Sul serio hai fatto danni con il fondant durante la preparazione? Da come si presenta non si direbbe proprio, è talmente bella questa torta!

Danda said...

Grazie a tutti :-)

@ Lorenza ed Elisabetta: se cliccate sulla foto per aprirla vedrete i crateri e le crepe nel fondant sbricioloso. Mi ha dato veramente del filo da torcere. Dopo 4 ore ero ancora china sul mattarello, con zucchero fin sopra i capelli e i palmi delle mani arancioni!

@ Comida: ho visto il nuovo blog di Pinella proprio da te. Una bella scoperta. Realizza sempre dolci favolosi e con decorazioni elegantissime.

@ p.: Se me lo chiedi io adoro le decorazioni semplici e un po' astratte, con al massimo un paio di elementi che richiamino gli ingredienti principali del dolce (un ghirigori di caramello o di cioccolato, una bacca etc.)
Il marshmallow fondant ho cominciato ad odiarlo da quando si è diffuso a macchia d'olio nei forum di cucina e ora sembra non si possa produrre una torta senza uno zoo di questa roba zuccherosa sopra.
Riconosco però che fondant, marzapane et similia permettono di realizzare torte molto scenografiche relativamente in poco tempo. Specie per chi ha bambini piccoli [o nonne romantiche e un po' leziose ;-)] è l'ideale e, diciamocelo, è anche divertente mettersi a pasticciare col pongo.
Quindi, cara p., buttati pure sul kitsch estremo.

POPA said...

ciao danda, ho visto che hai lasciato un commento sul mio blog.
E' poco che l'ho fatto e in effetti devo ancora fare delle modifiche...
mi chiedevose saresti così gentile da aiutarmi...se vuoi il mio collegamento a Msn è paolarainoldi@rainoldi.net così se ti va facciamo 4 chiacchiere

Danda said...

Ciao Paola, ti scrivo molto volentieri per le chiacchiere ma sono tutto fuorché un'esperta di blog. Per quanto posso cercherò di darti una mano :-)

mike said...

è la prima volta che entro qui e mi trovo questo spettacolo...ma poi hai avuto il coraggio di tagliarla????io mi sarei messa a piangere...bacio

Lo zucchino d'oro said...

Per me è bellissima!!!
Auguroni alla nonna! La mia ne ha compiuti 96 da qualche mese. Negli ultimi anni ho sempre cucinato per lei nel giorno della sua festa ed è la cosa più bella!

Baciotti

comidademama said...

Coraggio che ti verrà qualche cosa in mente per mi illumino di meno.

oggi qui le previsioni danno neve, allora pensavo di fare una granita super local mettendo fuori un bicchiere. Aspetto che si riempa di neve, poi decoro di foglie di menta et voilà.
Scherzo.
Volevo fare lo yogurt ma non conosco nessuno che lo coltivi per chiedere batteri in prestito.
Allora userò cipolle e piselli secchi, entrambi facili da conservare anche da una persona normale che va in campagna e li prende dalla pianta. Il primo basta tenerlo al fresco in cantina e i piselli si fanno asciugare al sole.
Farò una zuppa povera e senza olio. E se starà bene due foglie di menta dei vicini.

Cookie said...

Ciao Danda, mi sembra ben più che presentabile!! Si nota qualche leggero difetto solo guardando la foto da vicinissimo ma nel complesso è stupenda, bellissima, un lavorone!!! Complimenti e auguri alla nonna!

elisa said...

semplicemente meravigliosa..se il fondant ti è uscito male immagino solo cosa riesci a fare quando ti esce bene...

salsadisapa said...

sei veramente bravissima.. non ho parole! splendida realizzazione, e davvero adatta all'occasione :-)
auguroni alla nonnina!

Monique said...

bellissima!!!!io non posso farcela con la pasta fondant....
PS: ho bruciato la marmellata, ma ci riprovo!!

POPA said...

ciao bella, certo che sta torta è proprio spettacolare...
come hai fatto a scovare il mio blog??? io non sapevo che ne avessi uno infatti ti ho aggiunta subito...

Cipolla said...

Danda questa torta è semplicemente fantastica. Io coi dolci non mi ci metto nemmeno! BRAVA

Ciao.
Cip

La Gallina in cucina said...

Ciao Danda complimenti per la torta è stupenda, tanti auguri alla nonna.

Danda said...

Nuovamente grazie a tutti!

@ Mike: eh c'è stata un po' di esitazione a tagliarla :-)

@ Comida: sono veramente un'allocca, quand'ho letto della granita con la neve ho seriamente pensato "wow, che idea!"

@ Cookie: quel fondant mi ha stremato, specie i festoni sono stati un parto. Alla fine mi sono detta se riesco a farli star su senza che mi si sbriciolino in mano, crepe o non crepe ce li lascio ;-)

@ Popa: ho visto un tuo commento sul blog di Gnu-Stefano e poiché mi piace la tua cucina sono andata a curiosare :-)

@ Monique: peccato per la marmellata :-/ in effetti ha una cottura piuttosto rapida, bisogna tenerla d'occhio rimescolando spesso. Riprovaci comunque, ne vale la pena :-)

marcella candido cianchetti said...

buon fine settimana

Tatiana said...

Spettacolare Danda :O non ho parole... credo che sia rimasta a bocca aperta anche la nonnina :)))

Elisa - Basilico&Co. said...

Questa torta è bellissima!!!
Auguri alla tua nonnina!

Cookie said...

Ciao Danda, ti ho coinvolta in un Meme...

Danda said...

grazie ancora. Sono contenta che vi piaccia :-)

fairyskull said...

Meraviglia !!!! Ciao Lisa
http://ricettedafairyskull.myblog.it/

teresa said...

Ciao,sono appena tornata da fuori città ed ho appena visto il tuo invito al meme.lo farò subito!grazie mille e complimenti per questo dolce perchè è bel-lis-si-mo!!

Ciboulette said...

Come sono arrivata al tuo blog non lo so, ma e' stato un caso fortunato!!
Questa torta e' decorata con precisione ed armonia, brava, davvero!
A me piace tanto decorare le torte, anche se poi casco sempre a farle con la panna montata (mi piace troppo! ), e quindi nn posso non essere ammirata dal tuo risultato, anche se sei cosi autocritica! Ah auguri alla nonna ovviamente!!